Quaderno AIM-MXM n. 42


PRESENTAZIONE
"Osservatorio Telesanità 2000"
a cura di Direzione Generale Sanità Regione Lombardia MxM - Milano per la Multimedialità

Coordinatore scientifico: Marco Mena


L'appuntamento con l'Osservatorio Telemedicina sta diventando ormai abituale; per il terzo anno consecutivo questa pubblicazione segue l'evoluzione delle tecnologie a supporto dell'innovazione del settore della Sanità.
Da due anni la Regione Lombardia ha accettato di collaborare con Milano per la Multimedialità per la progettazione e la stesura dei materiali, e questo ha come riflesso un legame più stretto alle tematiche che per il settore sono più sentite da amministratori ed operatori.

Si rinnova anche il tradizionale appuntamento con SmartHospital: come l'anno scorso l'Osservatorio Telesanità 2001 costituirà gli atti del convegno di apertura a cura della Direzione Regionale Sanità della Regione Lombardia.

Quest'anno il riferimento obbligato della pubblicazione è il quadro europeo e quanto la Commissione Europea sta facendo per portare l'Unione a livelli di eccellenza per quanto riguarda l'utilizzo delle tecnologie nei vari settori della vita produttiva e sociale.
Nel dicembre del '99 è stata varata l'iniziativa eEurope, finalizzata a colmare il gap nell'utilizzo dell'Information Communication Technology (ICT) rispetto agli Usa.
In 10 azioni, vengono indicate le principali iniziative da prendere per arrivare al 2003 all'obiettivo: ovviamente la Sanità è uno dei settori di intervento.

Quando si parla di ICT, naturalmente si includono Internet e le trasformazioni che l'utilizzo della rete sta operando nel modo in cui enti, aziende e amministrazioni pubbliche cambiano il rapporto con il mercato o i cittadini in termini di informazioni e servizi offerti.

Per la Sanità Internet rappresenta una grande opportunità: è uno strumento di raccolta e erogazione di dati e informazioni di grandissima efficienza.
La rete rende ancora più accessibile un obiettivo che i sistemi sanitari del mondo industrializzato stanno cercando di raggiungere e che può sembrare un ossimoro: come migliorare la qualità dei servizi e dell'assistenza, come estenderli, tenendo sotto controllo o addirittura riducendo una spesa che negli ultimi decenni è levitata in modo insopportabile.
Per raggiungere questo obiettivo, a nostro parere, vi sono due grandi operazioni da compiere: ·
Sviluppare
l'integrazione dei sistemi informativi degli enti di governo e delle aziende sanitarie, per poter rendere disponibili le applicazioni sulla rete ·
Far crescere le competenze specialistiche e di base di tutte le risorse umane del settore, il che significa da un lato acquisire competenze rare sul mercato (solo in Italia, nel settore ICT sono 110.000 i posti di lavoro non coperti), dall'altro innescare un grande processo di alfabetizzazione di base.

Se l'intero settore sanitario del Paese saprà fare questo, l'ossimoro può risolversi con successo.



Pier Giuseppe Torrani
Presidente AIM-MxM

Torna all'indice


Per maggiori informazioni, suggerimenti, segnalazioni scrivi a ReMida21