Quaderno AIM-MxM n. 36


PRESENTAZIONE
"Tecnologie per la multimedialità on line a Milano"


La riproposta di un “Osservatorio sull’evoluzione tecnologica”, nell’ambito dei lavori del Progetto MxM, ha essenzialmente lo scopo di fornire, in primo luogo ai partner di MxM che hanno partecipato alla formazione del rapporto nei vari incontri seminariali che si sono tenuti nell’apposito gruppo di lavoro e in secondo luogo attraverso il volume che presentiamo a tutti i componenti del sistema economico e sociale, un quadro sintetico ed aggiornato sulle nuove opportunità offerte dal progresso industriale e scientifico nel settore della multimedialità.

La rapidità dell’evoluzione tecnologica, il suo intreccio di sigle e acronimi rende a volte difficile, per i non addetti ai lavori, comprendere le molteplici opportunità offerte dalle nuove applicazioni ed è per questo che si è cercato di selezionare i possibili scenari tecnologici che domineranno il settore delle comunicazioni.
MxM, con questo volume, prosegue quindi l’ampia attività di alfabetizzazione e diffusione delle conoscenze nel settore multimediale, che caratterizza gran parte del proprio operato considerandole uniche strade per riuscire a far crescere anche a Milano una comunità tecnologicamente avanzata.

Nell’edizione di quest’anno non ci si è limitati a fornire una visione solamente tecnica dell’evoluzione multimediale, ma si è puntato a correlare lo scenario tecnologico con una descrizione delle più importanti iniziative in via di sviluppo nella metropoli milanese.
Come si può osservare, il quadro che ne emerge è caratterizzato da un’ampia gamma di iniziative avviate da soggetti sia pubblici che privati che hanno il comune obiettivo di puntare ad una modernizzazione della vita cittadina.

Convivono pertanto sia iniziative volte a migliorare i rapporti tra Amministrazione pubblica e cittadini sia applicazioni e sperimentazioni indirizzate a proporre servizi avanzati agli utenti finali.

Anche MxM sta attivamente contribuendo, attraverso le proprie sperimentazioni progettuali, allo sviluppo tecnologico della città.
Ad esempio con l’iniziativa “ambulanza multimediale” che prevede la trasmissione, attraverso la rete telefonica cellulare, di dati sui parametri vitali del paziente a bordo dell’ambulanza direttamente al pronto soccorso dell’ospedale di destinazione si sta sperimentando un sistema tecnologico di comunicazione che non era ancora stato utilizzato nel nostro paese.
Analogalmente con l’iniziativa Mediateca si sta progettando un modello di Biblioteca Digitale Interattiva nella quale l’utilizzo delle principali tecnologie descritte nel presente volume trovano reale applicazione.

L’attuale situazione milanese lascia in ogni caso intravvedere una pluralità di iniziative progettuali che, fanno ben sperare per il futuro della città.
Ovviamente progetti, idee e opportunità potrebbero essere ulteriormente sviluppate se le infrastrutture di comunicazione fossero composte da una rete cablata cittadina a larga banda.
In questo caso nuovi e innovativi servizi potrebbero essere messi a disposizione di amministrazioni, cittadini e imprese e vecchi servizi potrebbero essere arricchiti di qualità e contenuti che li renderebbero molto più appetibili.
Ma soprattutto potrebbero consolidarsi e svilupparsi tutte le numerose piccole aziende che sono sorte a Milano in questi ultimi anni e che da un “ambiente cablato” e da una politica urbana più favorevole alle attività multimediali, potrebbero trovare sicura linfa per il loro futuro.

Milano sta scontando un grave ritardo con la mancata cablatura della città.La metropoli milanese è rimasta l’unica grande città italiana a non aver ancora definito tempi, caratteristiche e soggetti attuatori del cablaggio cittadino. MxM, quindi, auspica una accelerazione del processo di implementazione dell’infrastruttura di comunicazione cittadina così che gran parte delle applicazioni tecnologiche evidenziate nel presente Osservatorio possano trovare una rapida diffusione.



Torna all'indice


Per maggiori informazioni, suggerimenti, segnalazioni scrivi a ReMida21