<%@LANGUAGE="JAVASCRIPT" CODEPAGE="1252"%> IN MOTORINO liberi e sicuri
   
  Il Concorso
  I Partner
  Regolamento
  Iscrizione
  Premi
  Temi del Concorso
  I migliori siti e MMS
  Giuria
  Forum
  L'esperto risponde
  Scrivici
  Dicono di noi
  Link
   
   
     
  I temi del concorso: la strada  
Il guidatore Il motorino La strada Il soccorso
 

 

 
 
La strada è il luogo dove si mettono in pratica tutti gli insegnamenti e le leggi imparate nella teoria. La strada è di tutti e per questo bisogna comportarsi con testa rispettando le altre persone che la utilizzano.

Occupano la strada:
• pedoni
• biciclette
• ciclomotori
• motocicli
• autovetture
• mezzi pesanti
• mezzi pubblici
Tutti questi soggetti devono convivere senza ostacolarsi, dal più lento al più veloce. Normalmente i veicoli lenti mantengono la destra della strada, per premetter ai veicoli più veloci di effettuare un sorpasso agevole.


Composizione della strada:

• la carreggiata, dove circolano i veicoli, mantenendo la destra;
• la corsia, la parte della carreggiata che delimita una fila di veicoli
• il marciapiede, dove circolano esclusivamente i pedoni;

Tipologie di strade:

• autostrade, per il traffico veloce, vietate ai motocicli di cilindrata inferiore ai 150 cc. In Italia sono soggette al pagamengto di un pedaggio, all'estero non è sempre così.
• strade extraurbane (statali, regionali, provinciali) sono strade gratuite che collegano i grandi centri (statali) o i centri minori. In alcuni casi non è consentito il transito di ciclomotori e biciclette.
• strade urbane (di grande scorrimento o di quartiere) sono tutte le vie cittadine. Qui il traffico è consentito a ciclomotori e biciclette, salvo le strade che immettono a tangenziali e autostrade, per cui valgono le leggi per la circolazione delle autostrade.

Segnali stradali
Si dividono in diverse categorie, riconoscibili per forma e colore.

  • segnali d'obbligo sono tondi, di colore blu, esclusi quelli che obbligano la fermata, come quello che indica la presenza di un controllo di Polizia o un confine di Stato. Indicano il comportamento che si dceve tenere, vietando qualsiasi altra azione.
  • I segnali di divieto sono tondi, con bordo rosso e fondo bianco, tranne quelli relativi alla fermata e alla sosta. Vietano ai veicoli, e talvolta ai pedoni, alcuni comportamenti che potrebbero rappresentare un pericolo per la sicurezza.
  • segnali di precedenza possono avere forme e colori diversi. Indicano chi deve dare o avere la precedenza.
  • segnali di pericolo sono quelli a forma di triangolo con il vertice rivolto verso l'alto. Generalmente vengono posti a circa 150 metri dal punto pericoloso, in modo che si abbia il tempo di rallentare.
  • I segnali complementari sono rettangolari o quadrati e possono servire per segnalare meglio particolari curve e punti pericolosi, ostacoli posti sulla carreggiata, ecc.
 
  "In motorino liberi e sicuri" è un progetto di ReMida21 e Motorino.it