"Il libro di Arlecchino"

"Racconto di una maschera"

 

Circolo Didattico "Mantegna" Sc. Elem. Aporti
Giulia III B

La maschera racconta


C'era una volta un foglio tutto bianco e tanto triste. Un giorno una matita di grafite gli chiese:"Oh,foglio ! Perché sei così triste?" Il foglio rispose tristemente:"Perché io sono tutto bianco e nessuno mi usa. Ecco perché sono così triste." La matita di grafite ebbe un'idea:"E se domani mattina all'alba chiedo alle mie amiche matite colorate di disegnare su di te una maschera di carnevale, tu saresti contento?" E così accadde. La mattina del giorno seguente, all'alba , la matita di grafite chiamò le sue amiche matite colorate per disegnare la maschera. Il foglio vide arrivare tutte le matite colorate più la matita di grafite. Quando arrivarono a destinazione , chiesero al foglio:"Che cosa vuoi che ti disegniamo: una maschera a forma di sole,una maschera classica,una maschera da Pulcinella oppure degli occhialini con gli occhi che si muovono?" La maschera decise di farsi disegnare la maschera classica. Quando disegnarono la maschera il foglio che non aveva mai provato a farsi disegnare su di se stesso diceva:"Ah! Ah! Ah ! MI FATE IL SOLLETICO!

ISTRUZIONI PER REALIZZARE LA MASCHERA

1. fase disegnare la forma della maschera: le ciglia,le punte da ogni lato della maschera,gli occhi ,i quadretti , i cunei.

2. fase colorare con colori tristi o allegri oppure usando i due tipi Bisogna colorare in modo che due colori uguali non si tocchino,però,tre o quattro volte il colore uguale si può toccare.

3. fase ritagliare la maschera nei suoi contorni e ritagliare gli occhi in modo che la maschera non si rompa. Nel momento in cui ho disegnato questa maschera io ero felice, ma anche un po' triste, perciò ho voluto colorarla con colori tristi ed allegri.

 

  indietro

Per maggiori informazioni, suggerimenti, segnalazioni scrivi a ReMida21